PoliticaRenzi: Grillo è diventato sciacallo

Renzi: Grillo è diventato sciacallo
"Beppe Grillo non è più uno spauracchio, è diventato sciacallo". Così Matteo Renzi alla direzione del Pd, riferendosi al post del leader del M5S che paragonava il premier al copilota della Germanwings. Il presidente del Consiglio attacca poi il leader del Carroccio e il segretario della Fiom. "Salvini e Landini sono due fenomeni televisivi. Ma, se la politica non ha attinenza con la realtà, produce personaggi che sono solo soprammobili da talk tv".   Tgcom24...

30/03/2015 di <"Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

MondoAirbus, Lufthansa rischia di pagare 350 milioni di dollari alle vittime

Airbus, Lufthansa rischia di pagare 350 milioni di dollari alle vittime
Per adesso Lufthansa ha annunciato che verserà ai parenti delle vittime 50mila euro. Ma, dopo la tragedia dell'Airbus caduto sulle Alpi francesi, la compagnia tedesca rischia di avere un conto finale da pagare molto più caro: l'ipotesi è un risarcimento danni da 350 milioni di dollari, secondo quanto riferisce il "Sole24Ore". Gli esperti delle assicurazioni ritengono che le accuse per l'azienda potrebbero essere di "responsabilità illimitata". D'altra parte, la stessa Germanwings ha dichiarato che quei 50mila euro versati non escluderanno altri richieste di risarcimento. George Leloudas, specialista in diritto dell'aviazione dell'Università di Swansea, ha spiegato a Bloomberg che potrebbe non esserci un tetto massimo per la responsabilità nei confronti delle vittime. Insomma, per la compagnia la situazione è particolarmente delicata. Sembra ci sia una sola via di fuga per Lufthansa: dimostrare che la responsabilità dello...

CronacaCaso Mez, Sollecito: "La mia vita sequestrata, è stato insopportabile"

Caso Mez, Sollecito: "La mia vita sequestrata, è stato insopportabile"
"Il mio è stato un sequestro insopportabile. Sono stato additato come un assassino senza uno straccio di prova. Ora sono tornato alla libertà". Lo ha detto Raffaele Sollecito in conferenza stampa dopo l'assoluzione definitiva nel processo per la morte di Meredith Kercher. "Voglio dimenticare tutto ma questa ferita non smetterà mai di sanguinare", ha aggiunto. "La mia famiglia è stata fatta a pezzi per nulla, non mi spiego il perché di tanto odio". "Il mio rapporto con Amanda? Una semplice storia d'affetto" - "Il mio rapporto con Amanda era una semplice storia d'affetto tra due ragazzi. Auguro ad Amanda ogni bene, forse scriverò un libro, ora voglio dimenticare", ha spiegato l'ingegnere pugliese. "Ringrazio i giudici che mi hanno risarcito di tante sofferenze, la ferita non smetterà mai di sanguinare, non si cicatrizzerà mai. Sono completamente estraneo a tutta questa vicenda", ha poi ribadito. "Il dolore è ancora...

PoliticaItalicum, nuovo round in direzione Pd su ring legge elettorale

Nuovo round sul ring della legge elettorale. Si preannuncia molto accesa la direzione del Pd che si riunisce oggi alle 14 al Nazareno: da una parte la maggioranza del partito, determinata a andare avanti fino in fondo, 'dopo un anno di confronti e discussioni', come hanno detto ieri il ministro per le Riforme Boschi e il vice segretario del partito Ricci: dall'altra gli esponenti della minoranza interna, convinti che ci sia ancora tempo per cambiare la legge in Parlamento e evitare - come preannunciato al momento dell'approvazione in prima lettura della Riforma Costituzionale alla Camera - un voto contrario e sancire quindi la rottura.   Adnkronos...

30/03/2015 di "Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

SportMotoGP, trionfo italiano in Qatar: Rossi vince davanti alle Ducati

MotoGP, trionfo italiano in Qatar: Rossi vince davanti alle Ducati

Italia in trionfo nella prima gara stagionale della MotoGP. Sotto i riflettori del Qatar il podio è stato tutto tricolore grazie al successo di Valentino Rossi (Yamaha) davanti alle Ducati di Andrea Dovizioso e Andrea Iannone. Il nove volte iridato ha battuto sul traguardo Dovi al termine di una battaglia infinita. Male le Honda: Marquez ha chiuso 5° dall'ultimo posto per un dritto alla prima cirva, Pedrosa 6°. Davanti a loro anche Lorenzo, 4°. LA CRONACA DELLA GARA E chi se lo aspettava? Una domenica così mancava da quasi dieci anni, dal 2006, quando in Giappone vinse Capirossi davanti a Rossi e Melandri. Nella giornata della debacle della Spagna, che è restata a secco di podi dopo anni di dominio assoluto, il motociclismo tricolore ha rialzato la testa e lo ha fatto con il suo campione più grande, quel Rossi che a 36 anni ha ottenuto la vittoria numero 109 della carriera: un record, uno dei tanti. Stabilito alla fine di una gara dai contorni...

30/03/2015 di <"Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

CronacaTangenti, arrestato il sindaco d'Ischia Con Ferrandino in manette altri nove

Tangenti, arrestato il sindaco d'Ischia  Con Ferrandino in manette altri nove

I carabinieri hanno arrestato il sindaco di Ischia, Giuseppe "Giosi" Ferrandino, e altre nove persone, nell'ambito di una inchiesta su tangenti pagate per la metanizzazione dei comuni dell'isola campana. I reati contestati, a vario titolo, vanno dall'associazione per delinquere alla corruzione (anche internazionale), dalla turbata libertà degli incanti al riciclaggio, all'emissione di fatture per operazioni inesistenti. L'inchiesta nasce nell'aprile 2013 ed ha portato alla luce, secondo l'accusa, un sistema di corruzione basato sulla costituzione di fondi neri in Tunisia da parte della CPL Concordia con cui retribuire pubblici ufficiali per ottenerne i "favori" nell'aggiudicazione di appalti. In carcere, su disposizione del gip Amelia Primavera, sono finiti, oltre al sindaco di Ischia, il fratello di questi, Massimo Ferrandino, il responsabile delle relazioni istituzionali del Gruppo CPL Concordia Francesco Simone, l'ex presidente Roberto Casari (andato in pensione il 30...

30/03/2015 di "Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

PoliticaGoverno, Berlusconi: ''Italia va cambiata, 51% vorrebbe andar via''

Governo, Berlusconi: ''Italia va cambiata, 51% vorrebbe andar via''

"Noi non vogliamo cambiare Paese ma cambiare il Paese, non intendiamo arrenderci a questa situazione... ". In collegamento telefonico con la convention azzurra di Antonio Tajani a Roma, Silvio Berlusconi torna a criticare il governo Renzi denunciando "l'oppressione fiscale, giudiziaria e burocratica" attuale che "fa dire al 51 per cento degli italiani che preferirebbe cambiare Paese". "Dopo tre governi non eletti dal popolo ora ci troviamo di fronte ad una non democrazia, che ci sottopone ad una oppressione fiscale, giudiziaria e burocratica", che ci porta ad andar via, ma "noi non vogliamo cambiare Paese, vogliamo rinnovarlo". L'attacco al governo Renzi, passa anche per il ruolo dell'Italia in Europa. ''Siamo irrilevanti in Europa il semestre si è chiuso senza risultati e il nostro commissario, l'Alto rappresente per la politica estera, è escluso dalle trattative". Berlusconi coglie l'occasione per puntare il dito su quei "partiti che fanno della protesta e dello...

30/03/2015 di <"Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

CronacaPrimo sole e tutti al mare, da Ischia a Catania si è già aperta la stagione dei bagni

Primo sole e tutti al mare, da Ischia a Catania si è già aperta la stagione dei bagni

Primi bagni in Campania e in Sicilia nella prima vera domenica post invernale. A Napoli, nonostante le temperature non superino ancora i 20 gradi, qualche intrepido dopo essersi ben scaldato al sole ne ha approfittato per un primo tuffo. Ma le spiagge più gettonate restano quelle delle isole, Ischia e Capri in particolare, la Penisola Sorrentina e la Costiera Amalfitana. Qui hanno già aperto i primi stabilimenti balneari, "circa il 30%" spiega all'Adnkronos Marcello Giocondo, presidente del Sindacato italiano balneari per la Campania. Scenario semi-estivo anche a Catania dove non sono mancati gli affezionati di tintarella e primi bagni. In particolare, nella caratteristica spiaggia cittadina di rocce e sabbia vulcanica di San Giovanni Li Cuti, soprattutto nella metà della mattinata, in molti si sono lasciati riscaldare dai raggi solari e qualcuno ha 'inaugurato' con largo anticipo la stagione balneare con una nuotata alla Montalbano. Se in tanti hanno preferito...

30/03/2015 di "Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

MondoA Tunisi la marcia anti-terrorismo. Renzi: ''Non la daremo vinta ai terroristi''

A Tunisi la marcia anti-terrorismo. Renzi: ''Non la daremo vinta ai terroristi''

Grande marcia a Tunisi per dire no al terrorismo dopo l'attacco al Museo del Bardo che, 11 giorni fa, ha provocato 22 morti, tra cui 4 italiani. Decine di migliaia di persone sono scese in strada accogliendo l'invito del presidente tunisino a prendere parte alla marcia. "Tunisia libera, terrorismo fuori", "Il nostro paese è più forte di voi", gridavano i manifestanti, molti dei quali sventolavano la bandiera tunisina, sfilando lungo l'Avenue du 20 mars a Tunisi.  Con loro hanno sfilato anche il presidente tunisino Beji Caid Essebsi, il premier italiano Matteo Renzi, la presidente della Camera Laura Boldrini, il capo di Stato francese Francois Hollande, il presidente polacco e quello palestinese, Bronislaw Komorowski e Mahmoud Abbas, e il capo del governo algerino Abdelmalek Sellal. RENZI - "La Tunisia non è sola in questa battaglia" contro il terrorismo, quanto accaduto al museo Bardo "è terribile per la Tunisia, per l'Europa tutta", dice il...

30/03/2015 di <"Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

PoliticaF1 e MotoGp, i complimenti di Renzi

F1 e MotoGp, i complimenti di Renzi

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha telefonato a Sergio Marchionne per congratularsi per il successo della Ferrari in Malesia. Il premier ha poi chiamato anche Valentino Rossi per complimentarsi per la sua vittoria in Qatar. Lo si apprende da fonti di Palazzo Chigi.   Tgcom24...

30/03/2015 di "Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Mondo"Sono sciiti", Isis decapita 8 soldati siriani Nel video un bimbo passa i coltelli ai boia

"Sono sciiti", Isis decapita 8 soldati siriani Nel video un bimbo passa i coltelli ai boia

Otto soldati siriani, che erano stati catturati nella provincia nord-occidentale di Hama, sono stati decapitati dall'Isis. In un nuovo video shock viene mostrato un bambino che consegna coltelli agli jihadisti prima dell'esecuzione. Lo riferisce il Site. Nel filmato i soldati indossano delle tute arancioni. Sarebbero stati uccisi "in quanto musulmani sciiti". Il video dura oltre 4 minuti. Nella prima metà mostra un miliziano in tunica marrone, barba lunga e turbante, con in braccio una mitraglietta, con alle spalle una serie di bandiere nere dell'Isis piantate su dei paletti: un set, come sempre ben studiato, per intimidire i propri nemici. L'uomo diffonde il suo proclama di morte contro l'esercito siriano e il suo leader, il presidente Bashar al Assad, immortalato in un fotogramma. A seguire si vede il corteo degli otto condannati a morte, in tuta arancione e occhi bendati, accompagnati al patibolo da un gruppo di miliziani a volto scoperto. Poi, entra in scena un bambino di...

30/03/2015 di <"Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

MondoVoto Francia, Sarkozy trionfa e punta l'Eliseo

Voto Francia, Sarkozy trionfa e punta l'Eliseo

"La vittoria si avvicina, i francesi hanno bocciato in massa la politica di Francois Hollande e del suo governo". Torna a fare festa Nicolas Sarkozy, dopo tre anni di sconfitte e processi. Sconfitta pesante per il Partito socialista, che perde metà dei dipartimenti che aveva sul territorio. Al governo qualcosa cambierà, anche se Manuel Valls aveva annunciato che il risultato dei ballottaggi non avrebbe avuto conseguenze. Per una sera insomma, torna a sorridere in Francia SuperSarkò. La destra, a scrutinio ancora non concluso, è data come netta vincitrice (dai 64 ai 74 dipartimenti su 101 in palio), un risultato straordinario se si pensa che si partiva da 41. Esattamente il percorso contrario della gauche, partita da 60 e arrivata vicino ai 30. Sarkozy: "Sconfessato l'operato di Hollande" - Se la settimana scorsa era stato prudente, ora l'ex presidente ha alzato il tiro, sparando a zero sul governo e sull'Eliseo: "Con il loro voto - ha detto Sarkozy - i...

30/03/2015 di "Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

CulturaSAMANTHA TORRISI. UNA SOLA MOLTITUDINE

SAMANTHA TORRISI. UNA SOLA MOLTITUDINE

Piccoli (ma intensissimi) assoli visivi.

Sabato 11 aprile alle ore 19 presso latienda di TRIBEART (Catania, Piazza Manganelli 14, http://shop.tribeart.it/) – spazio culturale in pieno centro storico dedicato all'arte contemporanea e shop «ad alto contenuto siciliano e a basso impatto ambientale» – verrà inaugurata "Una sola moltitudine", mostra personale di Samantha Torrisi (Catania, 1977), con un testo di presentazione a cura di Giuseppe Mendolia Calella. Una moltitudine di personaggi indefiniti, figure opalescenti che si muovono nello spazio, avanzano verso l’osservatore o si rivolgono all’orizzonte. Sagome scure che sfuggono nello sfumato di una pennellata. Silenziosamente si agitano nel loro riquadro colorato: tasselli di un insieme. La mostra, visitabile fino al 30 aprile, è una narrazione corale che si sviluppa mediante trenta piccoli (ma intensissimi) assoli visivi. Siedono, osservano, corrono, compiono azioni; profili vibranti senza un’identità precisa...

29/03/2015 di <"Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

SportF1: Sebastian Vettel trionfa a Sepang. La Ferrari torna al top

F1: Sebastian Vettel trionfa a Sepang. La Ferrari torna al top

La Ferrari torna alla vittoria, grazie alla strepitosa gara di Sebastian Vettel, che in Malesia centra il primo trionfo in rosso, nel secondo GP con la monoposto del Cavallino. Beffate le Mercedes, che completano però il podio con Hamilton e Rosberg. Grande rimonta per Raikkonen, 4° dopo un contatto al via che lo aveva relegato all'ultimo posto. Seguono le Williams di Bottas e Massa (6°). Flop McLaren, con Alonso e Button ritirati. PARTENZA REGOLARE - Hamilton scatta bene dalla pole. Vettel va subito a chiudere la porta, difendendosi da Rosberg che prova a infilarsi, ma non passa. Tiene la posizione anche Ricciardo, mentre a centro gruppo non mancano i contatti. E' Nasr che tocca ancora la Ferrari di Raikkonen, bucandogli la posteriore sinistra e costringendo il finlandese ad un giro sul cerchio, prima di tornare al box per il cambio. Gara rovinata, ma Kimi ritorna in pista per lanciarsi in rimonta. SAFETY CAR PREVENTIVA - E' il quarto giro quando Ericsson finisce in...

29/03/2015 di "Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

MondoLubitz temeva di non poter più volare. La vista si era già abbassata del 30%

Lubitz temeva di non poter più volare. La vista si era già abbassata del 30%

La vista di Andreas Lubitz si era abbassata già di circa il 30%. E' quanto rivelano fonti investigative francesi, citate da 'Le Figaro', a proposito del copilota della Germanwings che martedì ha provocato lo schianto dell'Airbus A320 nel sud della Francia con 150 persone a bordo. Gli inquirenti non escludono che possa essere questa una delle cause della depressione della quale Lubitz soffriva da diversi anni. Il 27enne tedesco, che aveva l'ambizione di passare dalla compagnia low cost alla Lufthansa, gruppo di cui la Germanwings fa parte, non avrebbe potuto mai realizzare il desiderato passaggio con questo problema. Secondo quanto scritto oggi dal 'New York Times', citando due funzionari a conoscenza delle indagini in corso in Germania, non era chiaro quanto fossero gravi i fastidi agli occhi di Lubitz, né se questo abbia inciso sui suoi problemi psicologici, tanto che una fonte ha detto al quotidiano statunitense che le autorità non escludono la...

29/03/2015 di <"Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

MondoNigeria al voto, attacco Boko Haram Morti, alcuni decapitati con motosega

Nigeria al voto, attacco Boko Haram  Morti, alcuni decapitati con motosega

Sale il bilancio delle vittime degli attentati di Boko Haram in Nigeria contro i seggi delle elezioni presidenziali e politiche. Nel Nordest del Paese, roccaforte dei fondamentalisti islamici, i morti in cinque attacchi distinti sono saliti a 41. A centinaia di persone è stato impedito di votare, sotto la minaccia delle armi. Due autobomba sono esplose vicino ai seggi nel Sudest, ma senza provocare feriti. In precedenza 23 persone sono state decapitate con una motosega nella notte tra venerdì e sabato nel villaggio di Buratai, a circa 200 chilometri da Maiduguri, capitale dello Stato del Borno. Il ministero della Difesa nigeriano aveva annunciato di aver distrutto i centri di comando di Boko Haram a Gwoza, sempre nel nordest, uccidendo "diversi terroristi del Califfato" e catturandone molti altri. Ma il gruppo jihadista è riuscito comunque a dare seguito alle minacce del suo leader che a febbraio aveva avvertito in un video su Twitter: le elezioni "non si...

29/03/2015 di "Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

MondoAirbus, è sempre bufera sulla Lufthansa "Non conosciamo le malattie dei piloti"

Airbus, è sempre bufera sulla Lufthansa "Non conosciamo le malattie dei piloti"

Come è possibile che un giovane che soffriva di problemi psichici, e probabilmente anche di vista, fosse alla guida di quell'aereo da solo? Le rivelazioni su Andreas Lubitz scuotono l'opinione pubblica tedesca. Sotto accusa la Lufthansa e per i media locali "crolla un mito". La compagnia si difende sulla questione dei certificati medici: "Non conosciamo le malattie dei piloti, solo l'idoneità". "Nel caso dei piloti ci atteniamo al giudizio di medici che ne certificano l'idoneità al volo, la non idoneità o l'idoneità con riserva", spiega il portavoce Helmut Polksdorf. In questa riserva potrebbe essere contemplato "il caso dell'uso obbligatorio degli occhiali, ad esempio". "L'idoneità al volo viene verificata e certificata ogni anno dai medici specializzati di un'istituzione federale: il Luftfahrtbundesamt", aggiunge. "Ogni pilota prima di essere assunto da noi affronta un test severo, atto a certificarne le condizioni fisiche e psicologiche....

29/03/2015 di <"Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

CronacaOmicidio Meredith, assolti Raffaele Sollecito e Amanda Knox

Omicidio Meredith, assolti Raffaele Sollecito e Amanda Knox

La Cassazione ha assolto "per non aver commesso il fatto" Amanda Knox e Raffaele Sollecito. In particolare la quinta sezione penale di piazza Cavour ha annullato la condanna inflitta ai due giovani dalla Corte d'Assise di Firenze il 30 gennaio 2014 con formula piena. Si chiude così la vicenda dell'omicidio di Meredith Kercher. Per Amanda restano i tre anni di reclusione per il reato di calunnia. La decisione, che cancella ogni accusa di omicidio nei confronti di Amanda e Raffaele - entrambi condannati in appello, a 25 anni di reclusione Sollecito e a 28 anni e sei mesi Knox - è arrivata dopo quasi 12 ore di camera di consiglio dei giudici della quinta sezione penale presieduta da Gennaro Marasca.   Adnkronos...

28/03/2015 di "Redazione D1"> ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Primo Piano

Ultimi Video