CronacaRagusa, coniugi si murano nella loro abitazione e riescono a evitare lo sfratto

La casa di Pina e Paolo Iacono era finita all'asta e svenduta per 30mila euro. La nuova proprietaria sarebbe disponibile a rivendere loro l'appartamento

Ragusa, coniugi si murano nella loro abitazione e riescono a evitare lo sfratto
Per impedire all'ufficiale giudiziario di notificare loro lo sfratto, si sono fatti murare dentro casa e si sono legati alle bombole del gas. Protagonisti della vicenda Pina e Paolo Iacono, coniugi ragusani residenti a Pedalino, frazione di Comiso, la cui casa è finita all'asta ed è stata svenduta per 30mila euro. L'ufficiale giudiziario è entrato in casa passando dalla finestra e ha iniziato una trattativa: sfratto evitato. Venerdì mattina l'ufficiale giudiziario avrebbe dovuto consegnare l'immobile alla nuova proprietaria, una donna di Comiso, che l'ha acquistata per 30mila euro, circa un quinto del valore commerciale dell'appartamento, secondo i prezzi medi dell'area. Pina e Paolo Iacono giovedì sera hanno deciso di difendere la loro casa e hanno chiamato un muratore che, con calce e mattoni, ha eretto un muro nel vano dell'ingresso. L'appartamento si trova al piano terra e per l'ufficiale giudiziario non è stato difficile entrare dalla...

31/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

PoliticaNapolitano: attentati mafia nel '93 volevano destabilizzare il Paese

L'interrogatorio di Giorgio Napolitano messo online dal Quirinale. Il documento disponibile poche ore dopo la deposizione. Il presidente sul suo consigliere giuridico Loris D'Ambrosio: "Eravamo una squadra"
Il Quirinale ha pubblicato sul sito della presidenza della Repubblica la trascrizione dei verbali dell'udienza dedicata alla testimonianza resa dal Presidente Napolitano al Quirinale, il 28 ottobre scorso. Nelle 86 pagine si legge anche del rapporto tra Napolitano e il suo consigliere giuridico Loris D'Ambrosio: "Era animato da spirito di verità, formavamo una squadra di lavoro". "D'Ambrosio non preannunciò dimissioni" - "D'Ambrosio non mi preannunciò nè la lettera, nè le dimissioni. Era preso da questa vicenda, era anche un po' assillato da queste telefonate, punto e basta". Lo ha detto il presidente della Repubblica al processo sulla trattativa Stato-mafia, rispondendo alla domanda sulla lettera ricevuta dall'ex consigliere giuridico Loris D'Ambrosio, in cui questi preannunciava le sue dimissioni. Napolitano descrive un D'Ambrosio "insofferente" dopo "la pubblicazione delle sue telefonate con Mancino". "Via D'Amelio accelerò decreto 41...

EconomiaIstat: senza lavoro il 43% dei giovani Tasso di disoccupazione al 12,6%

Istat: senza lavoro il 43% dei giovani Tasso di disoccupazione al 12,6%
L'istituto di statistica rileva a settembre un aumento sia degli occupati sia dei disoccupati per l'innalzamento della partecipazione al mercato
A settembre il tasso di disoccupazione giovanile era al 42,9%, lo 0,8% in meno rispetto ad agosto ma in aumento dell'1,9% rispetto a settembre 2013: secondo i dati Istat, i senza lavoro tra i 15 e i 24 anni sono 698mila. Il tasso di disoccupazione generale, invece, a settembre è salito al 12,6%, +0,1% sia rispetto ad agosto sia in confronto a settembre 2013. La crescita, per l'Istat, è dovuta all'aumento della partecipazione al mercato del lavoro. Non solo. A scendere e a condizionare la ricerca anche la diminuzione del numero degli inattivi. Le persone che non lavorano e non cercano un'occupazione, tra i 15 e i 64 anni, diminuisce dello 0,9% rispetto al mese precedente e del 2,1% rispetto a settembre del 2013. Il tasso di inattività, pari a 35,9%, cala di 0,3 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,7 punti su base annua. Mai così tanti disoccupati dal 2004 - Il numero di disoccupati a settembre era pari a 3 milioni e 236mila, in aumento...

CronacaCarabinieri di Catania: agli arresti domiciliari Mario Musumeci assistente capo della Polizia Penitenziaria

Reati di corruzione continuata e detenzione a fine di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana e cocaina, commessi dall'anno 2009 sino al febbraio 2013, arrestato assistente capo della Polizia Penitenziaria in servizio al carcere di Bicocca

I Carabinieri del Comando Provinciale di Catania, nella giornata di ieri 30 ottobre 2014, hanno eseguito un provvedimento di sottoposizione agli arresti domiciliari, emesso dal G.I.P., su richiesta della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania nei confronti di MUSUMECI Mario, assistente capo della Polizia Penitenziaria, in sevizio presso la Casa Circondariale di Catania Bicocca, per i reati di corruzione continuata e detenzione a fine di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana e cocaina, commessi dall'anno 2009 sino al febbraio 2013. Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, sono state avviate a seguito dell'arresto in flagranza di reato, operato nel novembre 2012, dell'assistente capo della Polizia Penitenziaria RAINERI Antonino, in servizio presso la Casa Circondariale di Catania Piazza Lanza, allorquando è stato trovato in possesso di un pacco contenente cocaina, marijuana, "pizzini", profumi ed altri oggetti che doveva...

31/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

PoliticaSicilia, Ars:no sfiducia a Crocetta

Sicilia, Ars:no sfiducia a Crocetta

Con 37 voti a favore e 44 contrari

L'Assemblea regionale siciliana ha respinto la mozione di sfiducia al presidente della Regione, Rosario Crocetta: 37 i voti a favore, 44 i contrari. La mozione unificata, di centrodestra e 5stelle, è stata bocciata col voto nominale. Tre i voti che alla fine sono mancati alle opposizioni rispetto alle 40 firme raccolte al momento della presentazione dell'atto parlamentare. Sei i parlamentari della maggioranza non in aula. tgcom24...

31/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

CronacaSicilia, confisca beni per 50 mln

Sicilia, confisca beni per 50 mln

Riconducibili a imprenditore Scinardo

La Dia di Catania e Messina ha eseguito una confisca di beni per 50 milioni di euro riconducibili all'imprenditore Giuseppe Scinardo, ritenuto uomo di fiducia del capomafia Sebastiano Rampulla. Il provvedimento, emesso dal Tribunale di Catania, riguarda società, immobili, vaste distese di terreno e svariati fabbricati. tgcom24...

31/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

EconomiaFisco, ok al 730 precompilato

Fisco, ok al 730 precompilato

La nuova dichiarazione fiscale che riguarda lavoratori dipendenti e pensionati arriverà entro il 15 aprile. Semplificazioni anche sulle successioni

Per 20 milioni di contribuenti arriverà presto la dichiarazione fiscale precompilata. Il Cdm ha approvato in via definitiva la norma, insieme ad un nutrito pacchetto di semplificazioni fiscali che vanno dalle successioni ai rimborsi Iva. Il nuovo 730 precompilato riguarda lavoratori dipendenti e pensionati. Scatta dal 2015 sui redditi 2014. I moduli compilati dovranno essere resi disponibili on line entro il 15 aprile. I tempi di attuazione dunque sono davvero limitati e costringeranno l'Agenzia delle Entrate a un tour de force. Il decreto approvato contiene comunque anche molte altre misure, che riguardano non solo i cittadini ma anche le imprese. Ecco le principali. IL 730 PRECOMPILATO - Si parte subito e si punta a "sperimentare" il sistema già con la prossima stagione delle dichiarazioni. I dati inseriti, all'inizio, saranno essenziali. Vi saranno i dati già contenuti nell'anagrafe tributaria (quelli anagrafici, i parenti a carico, gli immobili e i terreni...

31/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

PoliticaTelefonata Silvio Berlusconi-Matteo Renzi: "Patto del Nazareno regge"

Telefonata Silvio Berlusconi-Matteo Renzi: "Patto del Nazareno regge"

Avanti con le riforme rispettando l'intesa tra governo e Forza Italia

Lunga telefonata tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi. Il premier ha assicurato il presidente di Forza Italia di voler andare avanti con le riforme rispettando il patto del Nazareno, che sarà al centro di un nuovo incontro tra i due leader. "L'intesa procede senza intoppi", ha dunque ribadito Berlusconi incontrando i coordinatori regionali Fi. I due leader hanno dunque concordato di vedersi al più presto per andare avanti sulle riforme. Il presidente di Forza Italia ha fatto capire che il partito non ha intenzione di rallentare i provvedimenti ma avrebbe spiegato di dover discutere anche con i suoi per eventuali modifiche agli accordi. L'intenzione di Berlusconi, spiegano da Fi, è quella di ricevere assicurazioni sull'approvazione delle riforme per evitare di andare a votare. Tgcom24...

31/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

PoliticaScontri Ast, Alfano: "Evitare scintille Nessuno vuole manganellare operai"

Scontri Ast, Alfano: "Evitare scintille Nessuno vuole manganellare operai"

Il ministro: "Vogliamo istituire un tavolo permanente di confronto al Viminale con i sindacati per gestire al meglio le manifestazioni"

"Vogliamo istituire un tavolo permanente di confronto al Viminale con i sindacati per gestire al meglio le manifestazioni". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, riferendo al Senato sugli scontri a Roma al corteo dei lavoratori Ast. "E' lontana anni luce da noi l'idea di manganellare gli operai, così come penso sia lontana dagli operai la volontà di scaricare tensioni occupazionali sulla polizia", ha poi aggiunto. "Solidarietà agli operai e agli agenti feriti" - Alfano ha espresso la sua personale solidarietà ai lavoratori dell'Ast e della polizia feriti negli scontri di Roma. "Serve un senso di responsabilità di tutti per evitare una scintilla che rischierebbe di innescare pericolose derive", ha aggiunto il ministro sottolineando di provare "amarezza" per il fatto che "una questione centrale come il lavoro stia diventando scenario di contrapposizione tra lavoratori". "Mai dati ordini di severità contro i manifestanti" -...

30/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

CronacaClinicamente morta,medici la tengono in vita per farle finire la gravidanza

Clinicamente morta,medici la tengono in vita per farle finire la gravidanza

A Milano i medici del San Raffaele tentano il miracolo su una donna colpita da emorragia cerebrale. Il feto ha 24 settimane e solo arrivando alla 28.ma potrebbe sopravvivere

Un'emorragia cerebrale fulminante non le ha dato scampo, ma il bambino che porta in grembo potrebbe venire al mondo lo stesso. E' quanto sperano di fare i medici del San Raffaele di Milano che stanno tenendo in vita una 36enne che risulta clinicamente morta. Il bimbo che portava in grembo di sole 23 settimane è ancora vivo e si spera di riuscire a farlo crescere abbastanza per poterlo fare nascere. Una lotta tra scienza e destino. L'elettroencefalogramma non dà speranze: è piatto. In queste situazioni scatta anche il protocollo per l'espianto degli organi. Ma in questo caso i medici hanno optato diversamente. Quando martedì scorso al pronto soccorso dell'ospedale San Raffaele di Milano si è presentata la 36enne colpita da emorragia cerebrale la diagnosi era stata subito drammatica. Ma dentro di sè quella donna portava un figlio, un feto di sole 23 settimane. Troppo poche per poter pensare a un parto anticipato. Troppe per poter decidire di...

30/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

CronacaBossetti, il pm revoca l'isolamento Scarcerazione, ricorso in Cassazione

Bossetti, il pm revoca l'isolamento Scarcerazione, ricorso in Cassazione

Il pm ha revocato la misura di protezione disposta fin dall'arresto mentre i legali del presunto killer di Yara contestano la decisione del Tribunale della libertà

Massimo Bossetti, a quattro mesi dall'arresto, lascerà presto l'isolamento. Il pm Letizia Ruggeri ha infatti disposto la revoca della misura a cui era sottoposto, per la sua sicurezza, il presunto killer di Yara Gambirasio. I legali di Bossetti, intanto, hanno deciso di presentare ricorso in Cassazione contro la decisione del Tribunale della libertà di negare la scarcerazione del loro assistito. Gli avvocati Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni hanno infatti deciso di ricorrere alla Suprema Corte dopo la bocciatura della loro richiesta da parte dei giudici del Riesame di Brescia. tgcom24...

30/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

PoliticaOperai Ast picchiati, Renzi si infuria con la polizia: "Chi ha sbagliato paghi"

Operai Ast picchiati, Renzi si infuria con la polizia: "Chi ha sbagliato paghi"

Il presidente del consiglio non ci sta a passare da manganellatore e chiede un'inchiesta sugli episodi di Roma. Il "giallo" delle telefonate tra Landini e il premier

Nei giorni in cui Matteo Renzi va allo scontro diretto coi sindacati per la riforma del lavoro, arriva la grana delle cariche della polizia agli operai della Ast. Renzi non ci sta a passare come il presidente manganellatore e questa situazione, secondo il Messaggero, lo ha mandato su tutte le furie. Per questo chiede al ministro Alfano di fare luce sulla situazione e vuole una linea dura: "Chi ha sbagliato paghi, subito". "Così si fa un favore alla Camusso, si fa il gioco della Cgil e della minoranza. Noi abbiamo sempre rispettato chi scende in piazza per manifestare le proprie opinioni e difendere il posto di lavoro". Queste le frasi che vengono attribuite a Matteo Renzi subito dopo aver saputo delle cariche della polizia contro gli operai della Ast che stavano manifestando a Roma e che, secondo la questura, volevano per protesta bloccare la stazione Termini. "Massima trasparenza, voglio capire cosa è successo", ha aggiunto Renzi che ha immediatamente sentito sia il...

30/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

CronacaHalloween, gatti neri a rischio riti satanici.

Halloween, gatti neri a rischio riti satanici.

Al via ronde animaliste

Gatti neri in pericolo per Halloween. In Italia, "circa 5.000 sono i felini che vengono uccisi per riti satanici dagli oltre 800 gruppi esoterici presenti nel territorio nazionale e il rischio è che la notte di Halloween sia la maggiore responsabile di questo fenomeno", dice all'Adnkronos il presidente dell'Aidaa Lorenzo Croce. Secondo l'Associazione italiana difesa animali ed ambiente, nel corso del 2013 sono stati uccisi dai 33.000 ai 35.000 gatti, circa 90 al giorno. Nella notte tra il 31 ottobre ed il 1 novembre l'Aidaa organizzerà anche quest'anno le ronde, complessivamente di 54 gruppi, "ognuna formata da quattro persone 'armate' di torcia e telefonino - continua Croce - disseminate nelle zone più a rischio, dalle 11 alle 2 di notte, per segnalare eventuali situazioni sospette alle forze dell'ordine". Le ronde dell'Aidaa "controlleranno oltre 135 siti considerati a rischio di riti satanici e sparsi sopratutto in Lombardia, Piemonte, Emilia, Veneto,...

30/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

PoliticaPonte sullo Stretto, Nencini: "Possono esserci capitali stranieri interessati"

Ponte sullo Stretto, Nencini: "Possono esserci capitali stranieri interessati"

Il ponte di Messina è un'opera che non può dirsi archiviata: "Potrebbero esserci capitali stranieri interessati a realizzarlo".

Lo dice, intervistato dall'Adnkronos al Palazzo dell'Informazione, il viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini, che puntualizza come la sua "non è un'affermazione generica". Nencini vuole "mettere il punto interrogativo accanto alla frase 'il ponte di Messina è un'opera archiviata'". Anche perché si tratta di una infrastruttura "segnata da un fattore simbolico eccessivo", perché "collegata al nome e al cognome Silvio Berlusconi". Un'opera che, evidenzia, "ha generato nel tempo una frattura tra chi sta di qua e di chi sta là senza possibilità di ragionare sui contenuti". Per questo "fuori dai simboli", secondo il viceministro, "la domanda da porsi è se vi sia una utilità vera di quel ponte, un'utilità per la mobilità delle persone e delle cose e quindi per la civiltà di un Paese". Anche perché il ritardo infrastrutturale della Sicilia impone soluzioni concrete: "O il ponte o...

30/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

NewsLa Nato in allerta per aerei russi sulla Ue: "Ci sono rischi per i voli civili"

La Nato in allerta per aerei russi sulla Ue: "Ci sono rischi per i voli civili"

Almeno 26 velivoli militari di Mosca sono stati intercettati dalla Nato tra il 28 e il 29 ottobre su Mar Baltico, Mar Nero, Mare del Nord e Oceano Atlantico

La Nato ha rilevato "una significativa e insolita attività militare aerea russa nello spazio aereo europeo su Mar Baltico, Mar Nero, Mare del Nord e Oceano Atlantico". Sono almeno 26 i voli militari russi intercettati dalla Nato e, secondo l'Alleanza, molti di essi "pongono rischi all'aviazione civile perché non hanno piani di volo o non usano transponder, quindi il controllo aereo civile non può tracciarli. "Otto aerei russi - spiega il comunicato della Nato - sono stati intercettati il 28 ottobre da F-16 dell'aviazione norvegese mentre volavano in formazione sul Mare del Nord/Oceano Atlantico, e li hanno identificati". Si tratta di quattro "Tu-95 Bear H", bombardieri strategici, e quattro "Il-78", aerei cisterna. La formazione volava dalla Russia sopra il mare di Norvegia in spazio internazionale. Sei dei velivoli russi sono tornati indietro verso la Russia, mentre due hanno proseguito a Sud-Ovest paralleli alla costa norvegese. Altri quattro aerei "sono...

30/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

CronacaAnziano pastore e figlio uccisi nel Trapanese: mistero sul delitto

Anziano pastore e figlio uccisi nel Trapanese: mistero sul delitto

I corpi dei due sono stati trovati a distanza di chilometri uno dall'altro. Scartata l'ipotesi dell'omicidio-suicidio, i carabinieri scavano nel passato dei due uomini

Un pastore siciliano di Salemi, l'81enne Antonino Catalanotto, è stato ucciso a fucilate mercoledì mattina nella sua auto nelle campagne di Santa Ninfa, nel Trapanese. Alcune ore dopo i carabinieri hanno scoperto anche il cadavere del figlio della vittima, il 41enne Francesco Paolo, anch'egli pastore, ucciso acolpi d'arma da fuoco ad alcuni chilometri di distanza dal corpo del padre. Il corpo dell'anziano era stato trovato in contrada Buturro Occhio di sole, nei pressi dell'ovile dove il pastore si era recato per accudire il suo gregge. I carabinieri hanno subito cercato i familiari della vittima per interrogarli, ma non sono riusciti a rintracciare il figlio Francesco Paolo. Dopo ore di ricerche la macabra scoperta sempre nelle campagne di Santa Ninfa, ma ad alcuni chilometri di distanza dal luogo del primo agguato. Gli investigatori hanno vagliato anche l'ipotesi di un omicidio-suicidio, che sarebbe però stata scartata perché nei pressi del cadavere del...

30/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

PoliticaRenzi ai Comuni: "Basta miriade di tributi, faremo una local tax"

Renzi ai Comuni: "Basta miriade di tributi, faremo una local tax"

Sulla contestata legge di Stabilità il premier aggiunge: "Noi vogliamo mantenere questi saldi, su questo non si discute ma se avete controproposte entro questo perimetro siamo pronti a discuterne"

"In prospettiva faremo una local tax al posto della miriade di tasse e tributi". Lo ha affermato il premier Matteo Renzi, nell'incontro con i Comuni ricevuti a Palazzo Chigi. Sulla contestata legge di Stabilità aggiunge: "Ci confrontiamo nel merito: noi vogliamo mantenere questi saldi, su questo non si discute ma se avete controproposte entro questo perimetro siamo pronti a discuterne". "Abbiamo cominciato ad aggredire la spesa centrale, presto metteremo online ogni centesimo di spesa dei ministeri", afferma poi Renzi, nell'incontro con l'Anci nella sala della biblioteca Chigiana, parlando dell'impegno del governo per ridurre i costi dei ministeri. Città metropolitane, impossibili i servizi - "I sindaci neo eletti presidenti di Provincia e gli amministratori provinciali, analizzata la Legge di Stabilità 2015, ritengono che non sia possibile garantire i servizi essenziali ai cittadini in capo alle Province e alle Città metropolitane". E' quanto scrivono in...

29/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

CronacaImmigrati, Alfano: "Era un'operazione d'emergenza, ecco perché Mare nostrum chiuderà"

Immigrati, Alfano: "Era un'operazione d'emergenza, ecco perché Mare nostrum chiuderà"

"Ho sempre detto che Mare nostrum non avrebbe fatto il secondo compleanno e non lo farà. Mare nostrum chiuderà perché era un'operazione di emergenza"

Lo ha detto il ministro dell'Interno Angelino Alfano a Palermo per la consegna di 530 beni confiscati alla mafia. "Dobbiamo adesso puntare su altre strategie che sono in primo luogo rappresentate dalla collaborazione con i paesi delle rive del Nord Africa e da un aiuto lì - prosegue Alfano - Nel frattempo l'Europa deve scendere in mare non con le stesse modalità di Mare nostrum, che sono ritenute troppe avanzate dal punto di vista della linea di intervento della Marina militare, ma con un'operazione di Frontex che presidierà la frontiera di Schengen che è a trenta miglia dalle coste italiane". Dalla Marina piena sintonia col governo - ''Le notizie riportate oggi sulle diverse testate giornalistiche riguardo il termine dell'operazione Mare Nostrum, non riflettono il pensiero della Marina Militare che opera in perfetta sintonia con il governo e in particolare con il ministero dell'Interno in ottemperanza alle direttive governative impartite''. E' quanto...

29/10/2014 di Redazione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Primo Piano

Ultimi Video